Ecco cosa dice Google sulle truffe Adwords

Ciao Ragazzi,qualche giorno fa ho postato un articolo che parlava dei cliccatori Adwords,cioè quelle persone che vengono pagate per cliccare gli annunci del Pay per Clic di Google,prinicipalmente ingaggiate da aziende che hanno una nutrita concorrenza e che pensano di eliminare i Competitors facendo cliccare  i loro annunci,così da eliminare eventuali vendite da parte della concorenza e facendoli raggiungere immediatamente un ipotizzato bugdet giornaliero.

truffe adwords

La notizia è molto importante.Soprattutto perchè purtroppo esistono Web Agency che,non offrendo supporto ad eventuali pubblicazioni sul potente strumento di Advertising di Google,suggeriscono i propri clienti di non usare Adwords per la loro pubblicità online,perchè vittima di questo fenomeno particolare.

Oggi sveliamo alcuni particolari,e la voce in questione non è la mia,ma direttamente quella di un responsabile di Google Italia,a cui ho chiesto delle informazioni dettagliate,per far luce sul problema,una voce che sembra dilagare nel mondo off-line,senza precise informazioni sul fenomeno.

Ho cercato informazioni dall’interno per un preciso motivo ,purtroppo alcuni miei clienti mi hanno confidato le loro paure a causa di queste presunte truffe da parte dei Competitors,che  aprono una cosidetta “guerra di clic”.Finchè a temere questo genere di fenomeno sia uno o due,nulla di strano,ma quando si crea una vera reputazione macchiata a causa di queste truffe su Adwords,allora mi sembra di dover far luce sul problema.

Certo,prima di leggere cosa dice direttamente Google,mi sembra ovvio che per loro non esista un problema del genere,ma è sempre bene tener in considerazione le loro parole visto che non stiamo parlando di un’aziendina di quattro soldi…

Il responsabile di Google Italia era anche un pochino incavolato dalla mia domanda (chissa quanti gliel’hanno fatta),e mi ha spiegato che Google è molto preparato per eventuali azioni illecite compiute da utenti con un Team specializzato che studia il comportamento naturale del navigatore.

In poche parole se un utente clicca 2 volte lo stesso annuncio Adwords nell’arco di 5 minuti,secondo loro è un comportamento naturale,perchè magari si tratta di un utente che si sta informando dettagliatamente prima di un’acquisto.

Se invece i clic su un annuncio sono numerosi,da  un computer con stesso indirizzo IP o chissà quali altri strumenti ingegnati da Google per riconoscere lo stesso utente,allora la visualizzazione dello stesso annuncio viene bloccata e i soldi spesi per quei clic inutili vengono rimborsati direttamente al Publisher.

Quindi secondo questa voce interna,chi subisce i clic casuali da parte di un eventuale truffatore,non li pagherà o meglio gli saranno rimborsati.

Detta così  il problema non esiste,che  sia stato inventato da qualcuno che si fa le seghe mentali,ma a pensarci bene sembra che questo metodo di riconoscimento possa essere evitato,anche se ne dubito,sarebbe molto improbabile.

Molti esperti Adwords dicono che il problema esista ma che accada realmente  molto raramente.

A questo punto però nascono domande spontanee.

Se Google riconosce una truffa sugli annunci dei loro Publisher:

Quando rimborsa i clic ai propri inserzionisti?

L’inserzionista viene avvisato della truffa sventata da Google?

Io penso proprio di no…Per il resto a voi la parola…

Vorrei precisare che io non faccio parte dello staff di Google,anzi sono uno dei loro numerosi clienti,e ne parlo solamente  per fare chiarezza sul problema e non sono stato pagato per farlo.

Ti ricordo che se hai bisogno di una consulenza o di una pianificazione delle tue campagne Adwords,puoi contattarmi direttamente da qui.

Stefan Des
Stefan Des
Appassionato di tecniche di vendita e di marketing online. Consulente, autore, imprenditore online, creo infostartup per offrire alle persone di creare un Business Online monetizzando le proprie competenze, esperienze e passioni. >>.
Recommended Posts
Showing 8 comments
  • Mirko

    Ciao…credo che il problema esista e sia più diffuso di quanto vogliono farci credere. Chiaramente google non poteva dire che il problema è un problema serio e reale…ne perderebbe di immagine, ma soprattutto credo che di strumenti per eludere lo staff di google ce ne siano eccome, magari i click effettuati senza cognizione vengono bloccati…ma chi lo fa per “lavoro” non credo che sia una persona impreparata…e sicuramente prenderà le giuste precauzioni. Credo poco probabile l’affermazione che “i clic vengono rimborsati”…vorrei sentire qualcuno se ha mai avuto un rimborso da Google per questa ragione. Sarebbe bello avere il parere di una “vittima” di questo tipo di attacchi scorretti…spero che faccia capolino su questo blog e ci racconti la sua esperienza!

    Ultimo blog post di Mirko!>Densità, Prossimità e Posizione delle Parole Chiave<

  • Stefan Des

    Ciao Mirko,
    anch’io sono curioso di trovare qualche caso di studio,per far luce sulla questione.

    Vediamo di tirar fuori una discussione interessante…

  • paolo

    Il fenomeno esiste eccome e sopratutto nell’internet marketing.Cioè mentre non credo alla “guerra tra aziende” credo che nella nicchia dell’Internet marketing ci sia chi poco scrupolosamente e poco onestamente clicca sugli annunci dei propri competitors e dice ai suoi amici di fare lo stesso.Credetemi non bisogna essere in 100 per danneggiare seriamente una campagna da 1 € a click!!Infine Google che rimborsa i click truffaldini?Ma lo sai da quanto lo dicono?Non solo non è vero ma non è vero che possiedano chissà quali sistemi di scoprire chi fa i click truffaldini.
    Ci vuole poco a nascondere un IP e ci vuole ancora a meno a prendere di mira un inserzionista.
    Ciao
    .-= paolo´s last blog ..Internet Business: non ci sono formule magiche =-.

  • Stefan Des

    Ciao Paolo,
    grazie del tuo intervento e del tuo punto di vista.

    Io penso che un’azienda come Google,che si sporca raramente,abbia dei modi per combattere questo fenomeno.
    Se non fosse così penso che sarebbe piuttosto diffuso e non solo in annunci riferiti a prodotti e servizi IM come dici tu.

    Sono d’accordo con te sui metodi per sviare i controlli IP,ma non è solo su quello che si possono basare.
    Secondo me se decidono di non far visualizzare gli annunci su un determinato PC,hanno gli strumenti per farlo.

    Naturalmente qui entriamo in discorsi Hacker di cui non so una mazza,è solo un mio punto di vista.

  • ciccio

    CIAO A TUTTI, IO STO NEGOZIANDO LA MIA CASA CON UN TIPO FRANCESE, CHE MI CHIEDE GLI ESTREMI DEL MIO CONTO CORRENTE PER ELARGIRE IL75% DELL’IMPORTO RICHIESTO, PER POI SUCCESSIVAMENTE VENIRE A FIRMARE L’ATTO DI VENDITA.
    DOVE SI COCRETIZZA LA TRUFFA IN QUESTI TERMINI??
    PER FAVORE AIUTATEMI.

  • Marco

    Ciao , il problema esiste eccome… ho creato un piccolo programmino che mi controlla le provenienze delle visite e la loro origine… solo nella giornata di ieri 20 click sullo stesso annuncio adword casualmente tutti provenienti dallo stesso ip in Savona.. costo 20€… nessuno mi ha rimborsato nulla… Ormai questo metodo non è piu sostenibile dalle piccole aziende come la mia. Si perdono troppi soldi a causa di questi click di molto dubbia provenienza.
    Ciao

pingbacks / trackbacks
  • Ecco cosa dice Google sulle truffe Adwords…

    Ciao Ragazzi,qualche giorno fa ho postato un articolo che parlava dei cliccatori Adwords,cioè quelle persone che vengono pagate per cliccare gli annunci del Pay per Clic di Google,prinicipalmente ing……

  • […] forti dubbi sull’efficacia dei domini parcheggiati. C’è  un’ antica ma ancora aperta polemica su questo suggetto; quello che apprezzo in AdWords è che permette di identificare […]