Nicchie sconosciute:vantaggi e svantaggi

Poche parole,tanto succo:

Una nicchia di mercato sviluppata e con concorrenza equivale ad una nicchia ricca,dove c’è mercato.
Una nicchia poco o per nulla sviluppata equivale ad una nicchia povera e senza mercato.

Chi di voi è d’accordo con queste affermazioni?

Certo una nicchia sviluppata e che presenta una concorrenza è più facile da considerare perchè sappiamo a priori che c’è un mercato e che con buone tecniche e creatività potremmo ritagliarci anche noi il nostro piccolo spazio.

Ma le domande da farsi prima di iniziare un internet business,sono davvero tante!

  • Quanta concorrenza troverò in questa nicchia?
  • A che livello intendo fare questo business?
  • Ho le carte per strappare clienti alla concorrenza?
  • Sono sicuro che non sia già una nicchia satura?

E questo per cominciare.Gli aspetti da considerare sono molti e spesso trascuriamo il problema senza fare una corretta analisi e senza un piano d’azione,bruciandoci le nostre carte ancor prima d’iniziare.

Secondo me la frase “Scegliere la nicchia di mercato” è completamente sbagliata.

Cosa vuol dire?

Chi parte con questa domanda fallirà in breve tempo.Una nicchia di mercato non va selezionata,ma va raffinata!Se sei un esperto di videogame,non potrai buttarti sulla nicchia dell‘internet marketing o della ristorazione,ma dovrai inserirti dove avrai le conoscenze per proporre i tuoi prodotti e servizi o buttandoti nel mondo dell’informazione del tuo settore.

Se sei un esperto di videogame,creati un blog dove parli di videogame,scegliendoti il modello di business da seguire.Se dall’analisi del mercato della tua nicchia percepisci che è un settore saturo e con troppa concorrenza,cerca di raffinare la tua nicchia!

Cerca di specializzarti in una nicchia ancora più stretta,per esempio sempre citando i videogame,specializzati nei videogame sportivi.E se ancora non dovesse bastare,specializzati nei videogame dedicati al gioco del rugby.

Hai visto?

Con poche righe ti ho reso l’idea che potrebbe essere la strada del tuo successo,Avere una nicchia molto ristretta non vuol dire avere poco mercato,certo,magari riuscirai a costruirti una mailing list più povera rispetto ad un sito che tratta ogni genere di videogame,ma riuscirai a raccogliere utenti e lettori interessati esclusivamente ai videogiochi che tratti,potendo proporre i prodotti ei servizi che riterrai opportuni,o creando degli  infoprodotti che venderai ai lettori.

Conclusioni

Secondo il mio modesto parere non esistono nicchie che dove c’è mercato e dove non c’è.In ogni settore c’è un mercato,e riportarlo su internet non può che essere un’ottima scelta in questo momento.

Ci possono essere nicchie più ricche,dove la gente è stata abituata dai produttori a pagare per certi servizi e certi prodotti,ma se sei un’esperto di una nicchia che non ha un mercato online,non devi assolutamente pensare che possa essere una perdita di tempo,perchè ci sarà sempre una fetta di utenti con le tue stesse passioni che aspetta solamente di trovarti.

Se non c’è un mercato nella tua nicchia,crealo!

In internet ci sono delle nicchie super sviluppate e altre letteralmente ignorate da tutti.

Perchè succede questo?

Hai idea di quanti soldi stai perdendo ogni giorno che passa?

Vuoi aspettare che diventi un mercato saturo prima di muovere il sedere?


Stefan Des
Stefan Des
Appassionato di tecniche di vendita e di marketing online. Consulente, autore, imprenditore online, creo infostartup per offrire alle persone di creare un Business Online monetizzando le proprie competenze, esperienze e passioni. >>.
Recommended Posts
Showing 5 comments
  • Gianfranco

    Ciao è la prima volta che visito il tuo blog, quello ce affermi è condivisibile e interessante ma credimi non
    è semplici trovare la propria nicchia nel mercato di questi tempi, perchè ormai è gia stato (quasi) tutto provato e trovato. Mi è piaciuto quindi quando ti riferivi al fatto di “raffinare” una nicchia già esistente, ma questo potrebbe implicare una riduzione se non un annullanto dell’interesse per lo specifico prodotto
    mi spiego meglio seguendo il tuo esempio (dei videogames) commerciare in questo settore è quasi impossibile perchè ci sono 9-10 players che hanno un certo dominio, questo comporta l’estromissione e la morte della maggiorparte delle iniziative, riducendo poi l’offerta ai soli video games di “rugby”, non si rischia sempre lo stesso? cioè raggiungere troppo poche persone? vuoi che scarsa conoscenza, pubblici
    tà ecc cosa ne pensi? La mia conclusione è che per trovare una nicchia di mercato particolarmente ricettiva e potenzialmente ricca, bisogna indagare sui bisogni rimasti inespressi delle persone che ci stanno accan
    to, della società il tutto inquadrato nella direzione che prenderà quest’ultima.

    • Stefan Des

      @Gianfranco,
      Ciao Gianfranco e benvenuto,
      se una nicchia di mercato è più ristretta e specifica,vuol dire che riuscirai a dare più informazioni dettagliate sul quel tipo di prodotto o servizio,nel caso dell’esempio del post se darai più informazioni e più qualità ai videogiochi di Rugby,potresti togliere dei potenziali lettori e clienti di un sito più rinomato,è questo l’obiettivo nell’essere specifici.

      Se cerchi qualcosa su internet,ti soffermi a leggere siti che ritieni più soddisfacenti per la tua lettura,che risolvono un problema specifico,dove magari altri siti più importanti e generici non vanno così a fondo.

      Sono d’accordo con te per quanto riguarda il mercato in generale,ogni settore ha i suoi esperti e la sua concorrenza…

      Ma questo non succede su Internet.La differenza è abissale.
      Non sto parlando di “informazione”,ma di “Business”.

      Sono convinto che in rete ci sia ogni genere di informazione di nicchia,ma questo non vuol dire che ognuno abbia un business dietro.
      Il mercato online secondo me è sfruttato all’1% in Italia,
      il problema è lo start up,la fiducia che troppo spesso manca in questi mezzi.

      Comunque indagare sui bisogni delle persone è sicuramente una mossa vincente.
      Se sei determinato e dedicato a trovare un bisogno su cui fare Business,vedrai che troverai una nuova ricchissima nicchia,e magari svilupperai un nuovo mercato,proprio come è successo alla “Nutella”,che non si è lanciata in una nicchia di mercato,ma l’ha creata.

      Comunque se ti fa piacere,puoi leggerti l’intervista a Kempes Astolfi,uno che ha creato un Business da una semplicissima passione…

      Leggi l’articolo.

pingbacks / trackbacks