[Panda Update] Chi ha vinto, chi ha perso, e cosa fare nella pratica per il futuro

Come saprai qualche settimana fa (il 12 di Agosto) è arrivato in Italia il tanto temuto aggiornamento dell’algoritmo di Google: il Panda Update.

Cosa è successo?

Quali siti hanno aumentato i loro visitatori e quali ora invece stanno piangendo? 🙂

Facciamo il punto della situazione…

Il Panda Update ha colpito meno siti del previsto

Come ammesso da Google l’aggiornamento ha coinvolto meno siti che in lingua inglese, e questo, condividiamo la lettura del Tagliablog, può significare due cose:

1. Ci sono meno content-farm e siti di scarsa qualità in queste lingue

2. L’algoritmo non ha ancora raggiunto “maturazione” per queste lingue e dobbiamo aspettarci un altro scossone

Vincitori e Vinti

Ecco una classifica dei siti vincitori e vinti.

Chi ha perso posizioni:

Chi invece ha guadagnato posizioni

Come era prevedibile:

  • Aggregatori, come ad esempio Wikio.it, hanno perso posizioni
  • Siti internet con molto cosiddetto “thin content” hanno perso posizioni (es. Hotfrog.it)
  • Siti di valore come ad esempio Ziogeek.com hanno guadagnato posizioni

Per quello che riguarda il mio sito in particolare (SeduzioneAttrazione.com) ho notato un aumento di visite il giorno di lancio dell’algorimo di circa il 10%, anche se è doveroso ammettere che dato il periodo particolare dell’anno (agosto) non è facile fare valutazioni.

Cosa più strana una settimana dopo ho registrato un balzo: un aumento del 30% (!!!!) di nuovi visitatori, e di conseguenza un aumento del 30% di iscritti alla newsletter, che non è di certo poco…

Il miglioramento nei risultati di ricerca è stato confermato anche dal Webmaster Tool.

Non ho notato importanti variazioni nelle query per pagine e keyword importanti e molto competitive (come ad esempio “tecniche di seduzione” e “come fare colpo su una ragazza”), l’aumento deve essere quindi stato tendenzialmente sulle long tail keyword.

Parlando con altri webmaster ho sentito di tutto un po’: alcuni non hanno registrato variazioni, altri piccole perdite (intorno al 10%) mentre altri hanno registrato un aumento del 100% di visite, quindi visite (e guadagni) si sono raddoppiati!!!

Da cosa dipendono i cambiamenti?

Teniamo ben presente una cosa che molti scordano: l’aumento o la diminuzioni di visite non è solamente una nostra responsabilità, dipende anche da fattori esterni, in questo caso i competitor.

Cosa intendo dire?

Poniamo il caso (assurdo ma è per capire) che il tuo sito fosse stato in decima posizione nelle serp per tutte le principali keyword.

Se nelle nove posizioni sopra di te si fossero trovato siti di scarso valore (contente farm, siti con contenuto copiato, siti che attuano strategie non lecite di link building, ecc. ecc.) il tuo sito sarebbe salito rispetto a loro guadagnando immediatamente parecchie posizioni senza che tu avessi fatto nulla!

Bello vero? 🙂

Peccato che la cosa valga anche al contrario! Cioè se ad esempio sei sceso nelle serp può darsi che i tuoi competitor avessero aumentato la qualità del loro sito!

Le nuove regole di Google

Cosa fare ora?

Molto semplice… è tempo di giocare secondo le nuove regole di Google, ad esempio:

  • Fai molta attenzione ai contenuti auto-duplicati all’interno del tuo sito (wordpress ad esempio ne genera di defoult)
  • Punta su link da siti a tema e di alto valore
  • Punta su un Article Marketing di qualità
  • Scrivi Guest Post sono importanti ora più che mai
  • Scrivi contenuti di valore
  • Scrivi contenuti di valore
  • Scrivi contenuti di valore

L’ho già detto?! 🙂

Va bene comunque, repetita iuvant 🙂

Se vuoi di più, se voi capire con precisione quali sono le nuove regole di Google prendi ora la tua copia di Google Panda Resurrection da questa pagina.

La Guida (l’unica in Italia) rimarrà in vendita solo fino al 30 Settembre 2011! Non perdere quest’occasione, clicca qui ora per prendere la tua copia.

Marco – SeduzioneAttrazione.com

Co-autore di Google Panda Resurrection

Stefan Des
Stefan Des
Appassionato di tecniche di vendita e di marketing online. Consulente, autore, imprenditore online, creo infostartup per offrire alle persone di creare un Business Online monetizzando le proprie competenze, esperienze e passioni. >>.
Recommended Posts
Showing 2 comments
  • Gabriele

    Mah! Questo Panda mi ha portato un po’ su ed un po’ giù…. il mio sito è un aggreagatore quindi avrei dovuto crollare nelle serp eppure sono rimasto in testa a tutti con keywords piuttosto competitive (‘blog tecnologia’ e ‘blog informatica’) e sono se non primo comunque nella prima pagina per ‘aggregatore + blog + categoria’ tranne per ‘aggregatore blog videogiochi’ che mi ha sbattuto in terza pagina e non saprei dirne il perchè…. il sito è diventato la prima risorsa italiana del settore dopo il bloggatore e tutti i giorni linko dalla pagina fan di facebook uno o due articoli: che dici, avrò trascurato la categoria videogiochi?
    Gab

    • Marco

      Ciao Gabriele. difficile dare una risposta definitiva, alcune considerazioni:
      – Da quel che ho visto è sì u aggregatore ma non riporti i feed completi, quindi Google è sicuramente più buono sul discorso “contenuto duplicato”
      – Il tuo sito ha un Domain Autority superiore a 50, non è poco per un aggregatore
      – Le vie di Google sono infinite, ad esempio in America siti che non facevano altro che copiare contenuto sono saliti. Possiamo fare molto ma non capiremo mai al 100% cosa fa Google

      Fossi in te lavorerei sulla selezione degli articoli, cioè scegliere articoli di qualità da ripubblicare. Ma questo ovviamente è solo un consiglio da uno che non ha mai lavorato con un aggregatore.